Cala Goloritzè (OG)

Non lontano dal centro abitato di Baunei si può scoprire questa spiaggia decisamente incontaminata e selvaggia. L’insenatura è raggiungibile via terra attraverso un sentiero che parte dall’altopiano del Golgo, dove è disponibile un parcheggio custodito, con un’ora circa di cammino. Il tracciato riprende una vecchia mulattiera utilizzata in passato dai carbonai;  il percorso si dipana lungo una sorta di codula fossile incastonata in una fitta macchia mediterranea caratterizzata dalla presenza di lecci e carrubi. Man mano che si procede verso il mare si delinea la figura della maestosa guglia di Punta Goloritzè, meta obbligata per tutti gli appassionati di arrampicata. La cala, il cui scenario si spalanca all’improvviso soltanto alla fine del sentiero, è una delle più belle e rinomate dell’intero Mediterraneo tanto da essere divenuta monumento nazionale nel 1995. La spiaggetta è cosparsa di piccoli sassolini di quarzo bianco presenti anche nel fondale. L’insenatura è resa particolarmente suggestiva dal celebre arco proteso verso il mare, il cui abbagliante colore turchese è dovuto allo sgorgare di alcune sorgenti sottomarine di acqua dolce. Nell’intera area è fatto assoluto divieto di raccogliere i sassolini e portare le imbarcazioni entro i 300 metri dalla riva (tratto dalla Guida Blu 2013).

Vedi le strutture per località

Località: ,

1 Commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*