Un week end per la cura delle spiagge

Lungo i litorali di tutta Italia tornano i volontari di Legambiente per la nuova edizione di Spiagge e Fondali Puliti, la campagna per la cura delle coste che ogni anno libera le spiagge da tonnellate di rifiuti. L’iniziativa supera i confini italiani: week end di pulizia in tutto il Mediterraneo con Clean Up the Med

Come ogni anno, alla vigilia dell’estate Legambiente rinnova l’appello a tutti gli amanti del mare, ai tanti volontari già impegnati da tempo e a quelli nuovi che decidono ora di mettersi in gioco partecipando a Spiagge e fondali puliti.

Una tre giorni di pulizia “corale” dei litorali da ogni tipo di rifiuto abbandonato, grande e piccolo e allo stesso tempo un gesto di valore civile da condividere con la famiglia, gli amici, la propria classe o i colleghi di lavoro, per restituire alle spiagge tutta la loro godibilità ma soprattutto per riscoprire il senso di appartenenza alla bellezza del nostro Paese.

“Il mare e le spiagge non sono terra di nessuno, ci appartengono – dice Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente – Rappresentano un patrimonio nazionale di inestimabile valore che il resto del mondo ci invidia. Facciamo la nostra parte per proteggere questa immensa ricchezza dalle insidie dell’inquinamento e dell’illegalità”.

Spiagge e fondali 2014La tre giorni di Spiagge e fondali puliti – organizzata da Legambiente in collaborazione con Cial, Mareblu, Virosac e la Campagna di promozione del sughero – sarà anche l’occasione per denunciare gli abusi consumati ai danni del mare, rivendicare il diritto di libero accesso alle spiagge per tutti e promuovere il turismo sostenibile e stili di vita compatibili con la salute dell’ambiente.

L’iniziativa rientra nella più vasta campagna Clean Up the Med, che si svolge in contemporanea, o quasi, in diversi paesi che affacciano sul Mediterraneo. Quest’anno, tra gli appuntamenti previsti, ci sono le località di Konyaalti Beach e la spiaggia di Antalya in Turchia, quelle di Larnaca-Limassol-Paphos a Nicosia a Cipro, la spiaggi di Pecine-Sablicevo a Rijeka e quella di Ribnica a Obrovac in Croazia, la spiaggia di Vescovato a Bastia in Corsica e quella di La Crouste a Canet en Roussillon sempre in Francia, in Spagna sulla spiaggia Moncofa a Castellòn e di Canyadell a Tarragona, in Grecia a Myrthios all’Hapimag Damnoni e a Ios a Mylopotamos, in Tunisia a Soliman e Nabeul rispettivamente sulle spiagge Soliman e de Maamoura, in Marocco a Rabat e sulla spiaggia Quimado di Al-Hoceima.

Ecco alcuni degli appuntamenti di Spiagge e fondali puliti per il fine settimana del 23-24-25 maggio

Lazio – venerdì 23, a partire dalle 9.30, spiaggia e dune di Capocotta – Ostia, appuntamento presso lo stabilimento balneare Mediterranea, via Litoranea km8.

Basilicata – venerdì 23, lido di Policoro (MT), appuntamento alle 9.30.

Calabria -venerdì 23, Catanzaro Lungomare Giovino e sabato 24Lungomare Soverato, alle 9.00.

Campania -venerdì 23 Pollica (SA), spiaggetta e porto di Acciaroli e spiaggia antistante Museo Vivo del Mare di Pioppi, dalle ore 9.30. Pozzuoli (NA), spiaggia antistante la scuola elementare “Pozzuoli 8 – E.Oriani”, appuntamento a scuola, alle 10.00.

Liguria -venerdì 23, spiaggia di Pietra Ligure (SV), appuntamento alle 9.00 alla foce del torrente Maremola.

Puglia – venerdì 23, Bari, spiaggetta di San Cataldo lungomare Starita a partire dall’incrocio con viale Vittorio Emanuele Orlando, dalle 9.30. sabato 24, Polignano a Mare, appuntamento presso la Spiaggia di San Vito alle 9.00. Taranto, appuntamento alle ore 9.30 presso il “Lido Bruno”.

Toscana – venerdì 23, golfo di Talamone dalle 9.00. Sabato 24, Viareggio, Spiaggia della Lecciona in zona Marina di Levante, dalle 9.30.

Marche -domenica 25, San Benedetto del Tronto (AP), appuntamento all’ingresso nord della Riserva Naturale della Sentina, Via del Cacciatore, alle 9.30.

Sicilia Palermo, domenica 25 spiaggia di Bandita alle 10.00 e giovedì 29 spiaggia di Mondello. Agrigento, 28 maggio, Spiaggia località Cannelle di Porto Empedocle dalle 8.30.

Per conoscere tutti gli appuntamenti vai su www.legambiente.it

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*