Guida Blu 2014 “Il mare più bello”, la selezione di Legambiente e Touring Club Italiano dei luoghi da sogno, dove qualità e sostenibilità ambientale vanno di pari passo.

Le cinque vele sventolano in 14 località marine e sette lacustri . “Il Mare più bello”, la nuova Guida Blu rinnovata nella grafica e nei contenuti, diventa anche social.

Sul podio troviamo Castiglione della Pescaia (Gr), Pollica (Sa) e Posada (Nu). Santa Marina Salina (Me) prima fra le piccole isole. Molveno (Tn) vince la classifica dei laghi. Sardegna imbattibile nella classifica dei comprensori turistici con ben 5 distretti nella top ten. Al primo posto il Golfo di Orosei, Ogliastra e Baronia.

Per raccontare al meglio le località costiere italiane che hanno saputo coniugare, con successo, turismo e sostenibilità,  Legambiente e Touring Club Italiano, hanno rinnovato totalmente nella grafica e nei contenuti la Guida Blu 2014 dal titolo “Il mare più bello”. La XIV edizione del volume ha più spazio dedicato alle foto ed è stata resa ancora più funzionale e pratico da consultare. Troviamo maggiori informazioni sulla qualità dei territori e numerosi consigli pratici, ma la grande novità è rappresentata dall’accorpamento delle località e dei comuni costieri in 35 comprensori turistici. Ogni comprensorio viene presentato con un’intervista ad un personaggio del mondo associativo, della cultura o dello spettacolo che vive o conosce quel territorio e che prende per mano il lettore per condividere i propri segreti. Per ogni zona balneare, viene segnalato un percorso di visita nell’entroterra, alla scoperta di località come le Bandiere arancioni, il marchio di qualità del Touring che seleziona e certifica le località d’eccellenza dell’entroterra con meno di 15.000 abitanti.

La guida “Il mare più bello” è stata presentata questa mattina a Roma dalla direttrice generale di Legambiente Rossella Muroni, il Responsabile Turismo Legambiente Angelo Gentili, il presidente del Touring Club Italiano Franco Iseppi, Stefano Landi del Master MMT – Università LUISS, il vice presidente di Federparchi Salvatore Sanna, Francesco Carri, presidente Iccrea Banca, il responsabile mare di Legambiente Sebastiano Venneri insieme ai sindaci delle località premiate che hanno offerto un rinfresco con i prodotti tipici e di qualità. Il volume è già presente nelle librerie al prezzo di 19,90 euro.

Come sempre la Guida si propone di essere per il lettore la bussola che lo guiderà alla scoperta del posto ideale per le proprie vacanze, luoghi da sogno, dove qualità e sostenibilità ambientale vanno di pari passo. Sfogliandola, l’unico dubbio che rimane, è la scelta tra il mare o il lago; il vademecum delle vacanze, infatti, segnala le località marine e lacustri premiate con le cinque vele: prestigioso riconoscimento che Legambiente assegna alle località che sono riuscite ad offrire vacanze da sogno e di qualità, grazie alla gestione sostenibile di un territorio d’eccellenza, alla salvaguardia del paesaggio, ai servizi offerti nel pieno rispetto dell’ambiente e all’enogastronomia di alto livello.

Per l’estate 2014 sono 14 le località marine e 7 quelle lacustri dove sventolano le 5 vele. Delle 21 località, Castiglione della Pescaia (Gr), Pollica-Acciaroli-Pioppi (Sa) e Posada (Nu), conquistano rispettivamente il 1°, 2°, 3° posto nella classifica delle località peninsulari e delle isole maggiori. Santa Marina Salina (Me) è, invece, prima tra le isole minori e l’unica isola a raggiungere il traguardo delle 5 vele. Nella classifica delle località lacustri, domina il Trentino Alto Adige con Molveno (Tn), Appiano sulla strada del vino (Bz) e Fie’ allo Sciliar (Bz) che ottengono rispettivamente il 1°, il 2° e il 3° posto. Infine il primo posto al miglior comprensorio turistico va al Golfo di Orosei, Ogliastra e Baronia lungo la costa orientale della Sardegna. In particolare la Sardegna domina la classifica dei comprensori con ben cinque distretti nella top ten.

“Le località premiate con le 5 vele da Legambiente rappresentano l’eccellenza dei distretti del nostro territorio costiero – dichiara Angelo Gentili, Responsabile Turismo Legambiente – La qualità che fa la differenza e che traccia le linee guida di ciò che dovrebbe rappresentare il futuro del nostro comparto turistico, capace di garantire occupazione e rilancio dell’economia. Uno scenario positivo, che riesce a coniugare l’autenticità e l’identità dei luoghi, con la bellezza del mare, delle isole e della costa, puntando a valorizzare la qualità dei servizi e la sostenibilità ambientale”.

La più belle sei tu
Legambiente anche quest’anno ha lanciato l’invito a scegliere e segnalare entro il 23 luglio, attraverso il sito internet (www.legambiente.it/lapiubella) e sui social network con #laspiaggiapiùbella), la spiaggia più bella d’Italia per individuare i dieci lidi più affascinanti, caratteristici e speciali del Belpaese, quelli che hanno fatto della bellezza la propria principale risorsa. Oltre al nome della spiaggia l’associazione ambientalista invita anche a motivarne la scelta, perché la bellezza non è solo un dato estetico. Lo scorso anno la spiaggia più bella dell’estate 2013 è stata Cala Bianca (SA), nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, almeno secondo il parere delle migliaia di internauti che l’hanno votata via web per “La più bella sei tu”.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*