Carovana del Camoscio Appenninico

Quattro week-end di attività nei parchi nazionali dell’Appennino centrale, tutte dedicate al camoscio che vive in queste montagne, una specie autoctona unica al mondo. Dal prossimo fine settimana, il secondo di luglio, prende il via La Carovana del Camoscio Appenninico, la nuova campagna di Legambiente dedicata alla valorizzazione delle strategie di conservazione della specie e alle occasioni di promozione delle comunità locali, in primis quelle località sedi di aree faunistiche dedicate al camoscio.

Proprio una specie simbolo come quella del camoscio, infatti, può oggi contribuire alla riscoperta del grande patrimonio di natura e cultura custodito dall’Appennino che, come molte aree interne e montane, necessita di vedere promosse le sue ricchezze, le sue peculiarità e le sue opportunità.

La cornice della campagna La Carovana del Camoscio Appenninico è quella dei parchi nazionali della Majella, dei Monti Sibillini, d’Abruzzo, Lazio e Molise, del Gran Sasso e Monti della Laga, già protagonisti del progetto di tutela del camoscio appenninico Life Coornata, che a turno ospiteranno le cinque tappe previste da questa prima edizione dell’iniziativa. Sono in programma escursioni e iniziative di volontariato; workshop e incontri con gli stakeholder locali, programmi di educazione ambientale per i cittadini e le scuole; eventi sul turismo sostenibile per gli operatori economici locali; seminari di approfondimento tecnico per amministratori e gestori di aree protette.

“La dorsale appenninica – dichiara la presidente di Legambiente Rossella Muroni – non è solo un luogo di eccellenza per la conservazione di specie e habitat naturali e una riserva di acqua, foreste, energia e materie prime, custodisce anche un vastissimo patrimonio immateriale, fatto di feste e tradizioni, gastronomia e artigianato, paesaggi agrari, miti, leggende, musiche, costumi, minoranze etniche e linguistiche e comunità locali. La Carovana rappresenta un’opportunità per stimolare la conoscenza e la riscoperta di questo patrimonio di estremo valore, la cui promozione può contribuire a riattivare economie in territori spesso deboli ma straordinariamente ricchi di risorse ancora inutilizzate”.

“La Carovana – aggiunge Antonio Nicoletti, responsabile Aree protette di Legambiente – vuole essere, in particolare, l’occasione per rinsaldare la collaborazione tra i Parchi e le Comunità locali che, grazie alla presenza delle aree faunistiche, hanno permesso il successo delle attività di conservazione del camoscio. È stata la loro adesione alle iniziative messe in atto in questi ultimi decenni, e la collaborazione concreta con gli Enti parco e le associazioni, se oggi possiamo, con orgoglio, celebrare il successo ottenuto per la conservazione di una specie che agli inizi del secolo scorso era destinata alla estinzione”.

Il 29 luglio in occasione del Camoscio Day, che sarà organizzato a Farindola nel parco del Gran Sasso e Monti della Laga, saranno resi noti i dati raccolti nel corso della campagna.

Per vedere il programma di ogni tappa continua qui http://www.legambiente.it/contenuti/articoli/carovana-del-camoscio-appenninico

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*