Buone pratiche di turismo slow in Puglia

“Salento Bici Tour”, gestito da giovani amanti delle due ruote, del loro territorio e del turismo lento, porta il turista alla scoperta della cultura locale e lo fa pedalando.

Salento Bici Tour nasce nel 2008 dall’idea di due ragazzi pugliesi vogliosi di costruire un progetto attorno alla bicicletta e al turismo “slow”, per far scoprire in maniera alternativa le meraviglie culturali ed enogastronomiche della Puglia meridionale e non solo. SBT organizza itinerari in bicicletta alla portata di tutti, in autonomia o in presenza di una guida del posto: si può trascorrere una vacanza in sella nel suddetto “Salento classico”, pedalando tra piccoli borghi, masserie e i più suggestivi angoli di costa, oppure viaggiare in bici da Matera a Lecce tra  trulli, vino e olivi o perfino divertirsi con un Ciclo Game a tema, coordinato dalle guide dell’associazione. In questi anni l’idea si è evoluta destagionalizzando la proposta turistica e offrendo al visitatore l’opportunità di affacciarsi a nuove location, solitamente meno battute rispetto a quelle più popolari. Il progetto si è allargato negli anni grazie a nuove alleanze come quella stretta con l’associazione leccese “Veloservice” con la quale nell’ agosto del 2015 è nato “Salento I Slow You”, il primo tour operator dedicato al turismo attivo “made in Puglia”, che ha oggi all’attivo migliaia di pernottamenti e un appeal specialmente per gli straniere tanto da essere divenuto un punto di riferimento proprio per gli studenti europei che si dedicano all’analisi del modello turistico e lavorativo proposto dall’associazione salentina, che oltre a creare valore di tipo economico ed occupazionale sul territorio pugliese ha saputo creare un vero e proprio collante sociale e culturale, oltre a promuovere l’attenzione per la sostenibilità ambientale. Ultima novità il “Bike Café”, sorto all’interno del “Centro per la mobilità lenta” del “SAC – Salento di mare e di pietre” gestito in collaborazione con Laboratorio Linfa e punto di riferimento per 14 Comuni uniti dall’intento di valorizzare i loro beni ambientali e culturali. Qui è possibile mangiare prodotti gastronomici a km 0, che trovare ogni tipo di servizio di cui un cicloturista ha bisogno: dalle informazioni sugli itinerari, alla ciclofficina passando per il noleggio bici. Il leit motiv è ovviamente l’ecosostenibilità, a cominciare dalla struttura; per arredarlo, infatti, sono stati organizzati dei workshop con decine di studenti e architetti ospitati. La struttura vanta anche una sala da 200 metri quadri per ospitare performance,  concerti, workshop e molte altre iniziative all’insegna del divertimento.

Quando si parla di turismo esperienziale si fa riferimento proprio a realtà come quella di Salento Bici Tour, che propongono al visitatore una vacanza a stretto contatto con la cultura locale e a impatto zero sul territorio. Queste realtà stanno aumentando negli ultimi anni nel nostro paese, dovremmo far si che si espandano ancor di più, anche facendo rete con gli stakeholder territoriali pubblici e privati che promuovono turismo di qualità.

Vedi le strutture per località

Località: ,

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*